Il laser “anti-frode” per scovare i contaminanti negli alimenti fuori dai laboratori: lo sta sviluppando l’Enea. Primi risultati incoraggianti


Uno strumento per individuare contaminanti e sostanze non dichiarate nel cibo velocemente e senza bisogno di trasportare i campioni in un laboratorio specializzato. Si tratta di un laser a infrarossi che permette di rilevare in tempi brevissimi la presenza di varie sostanze (molecole volatili, adulteranti e composti generati dalla degradazione) nei cibi. Lo sta mettendo …
Fonte:http://www.ilfattoalimentare.it/laser-anti-frode-enea.html
Author: Redazione Il Fatto Alimentare

WordPress Video Lightbox
Cerca